Carta d'identità

___________________________________________
Nome: Jack Steven
Cognome: Irons
Data di nascita: 18 Luglio 1962
Luogo: Los Angeles - California - USA
___________________________________________
Professione: Batterista (strumentazione)
Membro dal: 1983 - 1988
___________________________________________
Occhi: Azzurri
Capelli: Biondi
Segni particolari: Soffre di un disturbo chiamato Spicosi maniaco depressiva. Tale malattia gli venne diagnosticata all'età di 25 anni.
___________________________________________
Origini: Ebraiche
Genitori: np
Partner: np
Figli: 2








Biografia

I primi anni

Nato in una famiglia di origini ebraiche, Irons si formò musicalmente quando studiava alla Fairfax High School. Lì conobbe Hillel Slovak, trasferitosi a Los Angeles da Israele. I due strinsero presto amicizia, entrambi erano molto appassionati di musica, in particolare dei Kiss.

La prima band che formarono, con Jack alla batteria e Hillel alla chitarra, fu proprio una cover band di questo gruppo, che poi si evolse musicalmente grazie all'aggiunta di cover di altri artisti, tra i quali Jimi Hendrix e i Queen, all'ingresso del chitarrista Alain Johannes ed in seguito anche a quello del bassista Michael "Flea" Balzary, a cui proprio Slovak aveva insegnato a suonare il basso. Si chiamarono prima Chain Reaction, poi Anthym.

Il nome definitivo con cui in seguito il gruppo divenne noto a Los Angeles fu What Is This?, indicante la commistione di generi ed influenze varie che caratterizzava la loro musica (rock, punk, funk, jazz e new wave).

Con i Red Hot Chili Peppers

Irons, Slovak e Flea continuarono a suonare assieme, anche quando, con l'aggiunta di Anthony Kiedis alla formazione, sorsero i Red Hot Chili Peppers. Quando però ad entrambi i gruppi venne proposto di firmare un contratto discografico, Irons e Slovak dovettero decidere con quale dei due stare ed optarono per i What Is This?, progetto per il quale avevano speso più tempo e nel quale si sentivano più coinvolti.
Slovak rimase con i What Is This? Fino a quando non preferì riunirsi a Kiedis e Flea, che licenziarono prontamente il chitarrista che era entrato come suo sostituto, Jack Sherman. Irons rientrò poco più tardi, e nel frattempo, nell'arco di circa un anno, era uscito il secondo album dei Red Hot Chili Peppers (Freaky Styley, 1985).

La formazione originaria fu quindi riunita, ma i quattro fecero in tempo ad incidere tutti assieme solamente un album (fra l'altro severamente censurato dalla casa discografica), The Uplift Mofo Party Plan (1987), poiché l'anno seguente Hillel Slovak morì per overdose. Jack Irons lasciò il gruppo dicendo: "Io non posso stare in un cazzo di gruppo che può uccidere i miei amici".

Lo shock fu grande per tutti i Red Hot Chili Peppers, ma in particolare per Irons, grande amico di Slovak, che non aveva mai ben visto gli eccessi degli altri componenti.
Dopo un periodo di crisi la band si riprese: Irons e Slovak furono sostituiti dapprima da D.H. Peligro e DeWayne McKnight, e nel 1989 da Chad Smith e John Frusciante.

Con i Pearl Jam

Superato con fatica lo shock per la perdita dell'amico, Irons proseguì per la sua strada. Cominciò a suonare la batteria in vari gruppi, soprattutto Eleven e Pearl Jam, di cui fu batterista dal 1994 al 1998.

Dopo il tour in Australia e Nuova Zelanda del medesimo anno, il gruppo annunciò che Irons non avrebbe preso parte al prosieguo del tour per problemi di salute.

Nei quattro anni passati con la band di Eddie Vedder, Jack contribuì alla realizzazione degli album No Code e Yield.

Carriera solista

Nel 2004 ha prodotto il suo primo album da solista, Attention Dimension, al quale hanno collaborato sia componenti dei Pearl Jam che dei Red Hot Chili Peppers.
Il 24 agosto 2010 è uscito nei negozi americani il secodo album solista del batterista californiano No Heads Are Better Than One, anticipato dal videoclip del brano Sonic Tonic.